Sistema informativo integrato per i Dipartimenti di Prevenzione

Il progetto nasce dall’esigenza di gestire la prevenzione collettiva in ambito sanitario, superando le disomogeneità territoriali, ottimizzando le risorse economiche e tecnologiche e migliorando la qualità dei servizi erogati.

  • Destinatari

    I destinatari del sistema sono:

    • Dipartimenti di Prevenzione, utenti principali del sistema che lo utilizzeranno per l'inserimento e il reperimento delle informazioni;
    • Regione Lazio e Ministero della Salute, che hanno funzioni di monitoraggio, programmazione e pianificazione degli interventi di propria competenza;
    • utenza esterna, composta da cittadini, imprese, professionisti autorizzati, patronati, enti di ricerca, ecc. 
  • Obiettivi

    Il Sistema Informativo per i Dipartimenti di Prevenzione (SIP) della Regione Lazio, integrato con gli altri sistemi informativi regionali, intende:

    • realizzare un nuovo sistema di gestione dei flussi dei procedimenti e delle pratiche del Dipartimento di Prevenzione (struttura operativa che garantisce, all'interno di ogni Azienda Sanitaria Locale della Regione Lazio, la tutela della salute collettiva);
    • realizzare un sistema di governo, programmazione e monitoraggio gestionale delle attività attraverso la condivisione dei dati con i sistemi regionali e ministeriali (INPS, INAIL, Registro Imprese, SUAP ecc.);
    • utilizzare per tutte le ASL un sistema omogeneo, condiviso e personalizzabile con conseguente miglioramento in termini qualitativi e quantitativi delle attività di profilassi, vigilanza e controllo sul territorio;
    • ottimizzare l’utilizzo di risorse economiche e tecnologiche, realizzando un sistema centralizzato, con conseguente abbattimento dei costi di gestione oggi a carico delle singole ASL.
  • Descrizione

    Le Aziende Sanitarie Locali del Lazio, nell'ambito della propria autonomia organizzativa e contabile, hanno adottato procedure informatiche e organizzative autonome, costituendo in tal modo una molteplicità di sistemi isolati, diversificati in base alle specificità operative territoriali. Oggi si intende superare disomogeneità e frammentazione realizzando un unico sistema che gestisca i dati relativi a:

    • sanità pubblica veterinaria;
    • sicurezza alimentare;
    • prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro;
    • igiene e sanità pubblica;
    • controllo igienico sanitario e igiene urbana;
    • polizia mortuaria;
    • vaccinazioni e medicina del viaggiatore;
    • medicina legale;
    • accertamenti di medicina fiscale;
    • medicina dello sport.

    Il sistema prevede il riuso e la personalizzazione del Sistema Informativo Sanitario della Prevenzione Collettiva realizzato dalla Regione Toscana.

    Sistema Informativo Integrato per i Dipartimenti di Prevenzione

  • Fonti di finanziamento
    BILANCIO REGIONALE, POR FESR 2007-2013
  • Stato di realizzazione
    In corso di realizzazione